Due terribili scosse di magnitudo 5.4 e 5.9,poi una notte di intense repliche. Crolli e danni,una sola vittima per infarto

La sequenza sismica in Italia centrale, iniziata con l’evento di magnitudo Mw 6.0 del 24 agosto alle ore 03:36, è ancora in pieno svolgimento, e ieri, 26 ottobre, si sono verificate due forti scosse (5.4 alle 19.11 e 5.9 alle 21.18)in un’area adiacente a quella attiva nelle ultime settimane, che si estende dalla zona di Visso (MC) verso nord di circa 10 km, fino al centro di Pieve Torina (MC). (Come fa sapere INGV)

Poco fa alle ore 10.21 una nuova scossa di magnitudo 4.4 è stata distintamente avvertita dalla popolazione.

Come potevamo aspettarci è stata  di paura per lo sciame sismico nelle zone del centro Italia colpite da un fortissimo secondo terremoto in soli 2 mesi. Non ci sono vittime fortunatamente sotto le macerie ma un uomo di 73 anni è morto d’infarto a Tolentino. Il Terremoto stavolta ha avuto pietà,e grazie alla prima scossa più debole le persone sono uscite di casa nelle zone epicentrali e si è evitato il Peggio.

I feriti lievi sono nove, tra Visso e Fabriano. Ancora incerto il bilancio degli sfollati: sarebbero 2.3 mila. E dopo la notte passata all’aperto (sotto la pioggia) si comincia la conta dei danni e l’organizzazione dell’assistenza.

La notte degli sfollati

Migliaia di persone hanno lasciato le proprie case dopo la prima scossa e hanno passato la notte in auto. Il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e il commissario per la ricostruzione Vasco Errani in mattinata sono arrivati nei luoghi del sisma per valutare i danni e stabilire i primi interventi. La protezione civile della Regione sta predisponendo le tende per accogliere chi ha lasciato le abitazioni. A Visso – il centro dove ci sono stati i maggiori crolli e dove il centro storico è inagibile – i cittadini hanno passato la notte in auto nei pressi del Centro della Croce Rossa, dove solo in cento hanno trovato spazio per riposare qualche ora nelle brande allestite dai volontari. Proprio quello dell’assistenza alla popolazione è il primo pensiero del sindaco, Giuliano Pazzaglini.«Stiamo valutando la possibilità delle tende – dice – ma non è la soluzione ideale. Fa freddo e la maggior parte dei cittadini sono persone anziane».

Lo sciame sismico

Secondo i sismologi dell’Ingv sono state oltre 150 le scosse dalle 19,10 di martedì nella zona fra Perugia e Norcia: dopo le tre scosse più intense di 5.9, .5.4 e poi 4.6, le repliche di magnitudo superiore a 4,0 sono state quattro (compresa quella di poco fa) Comprese fra Ussita,Preci e Castelluccio di Norcia. I comuni più colpiti sono Tolentino e Ussita, poi Camerino, Muccia, Visso, Ussita, Castelsantangelo sul Nera, Preci e Norcia.

Le scosse più forti dalle 19.10 di ieri, 26 ottobre, sono riportate in tabella:

DATA E ORA(UTC) MAGNITUDO PROVINCIA
2016-10-27 03:50:24 4.4 Macerata
2016-10-27 03:19:27 4.1 Macerata
2016-10-26 21:42:01 4.5 Macerata
2016-10-26 19:18:05 5.9 Macerata
2016-10-26 17:10:36 5.4 Macerata

Dalle 19.10 di ieri (ora del terremoto di magnitudo 5.4) la Rete Sismica Nazionaledell’INGV ha localizzato oltre 200 eventi: sono oltre 40 quelli di magnitudo compresa tra 3 e 4, tre i terremoti localizzati di magnitudo compresa tra 4 e 5 e due di magnitudo maggiore di 5.

INGV: Mappa della parte settentrionale della sequenza sismica dal 24 agosto 2016 al 27 ottobre 2016 (ore 8.00). La stella bianca è l’evento di magnitudo 5.4 del 24 agosto. Le due stelle rosse sono i terremoti avvenuti ieri, 26 ottobre, di magnitudo ML 5.4 alle ore 19.10 (stella più a sud) e di magnitudo 5.9 alle ore 21.18 (la stella più a nord).

Dal 24 agosto 2016, sono stati localizzati complessivamente oltre 18000 eventi, in un’area che si estende per oltre 60 chilometri in direzione NNO-SSE lungo la catena appenninica: sono circa 290 quelli di magnitudo compresa tra 3 e 4, 18 i terremoti localizzati di magnitudo compresa tra 4 e 5 e 4 quelli di magnitudo maggiore di 5.

LA MAPPA DELLA SEQUENZA SISMICA DAL 24 AGOSTO 2016 AL 27 OTTOBRE 2016 (ORE 8.00). LE STELLE BIANCHE SONO I DUE EVENTI DI MAGNITUDO 6.0 E 5.4 DEL 24 AGOSTO. LE DUE STELLE ROSSE SONO I TERREMOTI AVVENUTI IERI, 26 OTTOBRE, DI MAGNITUDO ML 5.4 ALLE ORE 19.10 (STELLA PIÙ A SUD) E DI MAGNITUDO 5.9 ALLE ORE 21.18 (LA STELLA PIÙ A NORD).

Continuiamo a monitorare nelle prossime l’andamento della sequenza,non è possibile escludere in alcun modo altri eventi di forte intensità. 

Rubble and rescue operations after the strong earthquake in Villa Sant'Antonio village, near Visso, Marche region, central Italy, 26 october 2016. ANSA/MATTEO CROCCHIONI
Rubble and rescue operations after the strong earthquake in Villa Sant’Antonio village, near Visso, Marche region, central Italy, 26 october 2016.
ANSA/MATTEO CROCCHIONI

fonte:terremotieprecursorisismici